Condividi

IL BANDO

La Regione Lazio ha pubblicato il nuovo bando “Donne, innovazione e impresa”. La misura è finalizzata a sostenere l’innovazione nell’imprenditoria femminile, valorizzando il contributo quantitativo e qualitativo delle donne allo sviluppo economico e sociale.

Sono finanziati gli interventi che hanno come obiettivo quello di migliorare i risultati economici e la competitività aziendale delle imprese femminili, finalizzati a:

  • innovazione di Prodotto, cioè la produzione di un bene o servizio nuovo o migliorato che si differenzia in modo significativo dai precedenti beni o servizi dell’azienda;
  • innovazioni dovute ad attività di design e ideazione estetica finalizzate a innovare in modo significativo i prodotti dell’impresa;
  • innovazione di Processo Aziendale, quindi introduzione di un processo di business nuovo o migliorato per una o più funzioni aziendali che differisce in modo significativo dai precedenti processi aziendali;

L’innovazione può riguardare una o più funzioni aziendali, quali la produzione di beni e servizi, distribuzione e logistica, marketing e vendite, sistemi di informazione e comunicazione, amministrazione, gestione e sviluppo del prodotto e dei processi aziendali.


I BENEFICIARI

Possono ottenere il contributo le imprese femminili con sede operativa nella regione Lazio (o che intendano aprirla), che rientrano nei parametri dimensionali di PMI. Per imprese femminili si intendono:

  • la lavoratrice autonoma donna;
  • l’impresa individuale la cui titolare è una donna;
  • la società cooperativa e la società di persone in cui il numero di donne socie rappresenti almeno il 60 per cento dei componenti della compagine sociale;
  • lo studio associato in cui il numero di donne associate rappresenti almeno il 60 per cento dei componenti della compagine sociale;
  • la società di capitale le cui quote di partecipazione siano possedute in misura non inferiore ai due terzi da donne e da Imprese Femminili e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne.

LE SPESE

Gli interventi ammissibili a finanziamento dovranno obbligatoriamente prevedere:

  • spese per investimenti materiali;
  • spese dei canoni software SaaS, IaaS e Paas sostenute per l’adozione di nuove soluzioni digitali;
  • spese per know how, servizi e consulenze (nella misura massima del 20 % delle precedenti voci);
  • spese per costi del personale (riconosciuti nella misura forfettaria del 15% del totale delle spese ammissibili);
  • spese per costi generali, amministrativi e indiretti, (riconosciuti nella misura forfettaria del 5% del totale delle precedenti spese).

L’importo minimo di progetto ammissibile è pari a 50.000 euro.

Le spese ammissibili sono quelle sostenute dopo la presentazione della domanda, con una durata massima del progetto di 9 mesi dalla data di concessione.


IL CONTRIBUTO

L’agevolazione è un contributo a fondo perduto che varia dal 40% al 60% delle spese ammesse.

Il contributo massimo per impresa è pari a 145.000 euro per ciascuna PMI.

Il contributo verrà erogato in un’unica soluzione a seguito dell’invio della rendicontazione dei costi sostenuti.


LE MODALITA’ DI INVIO E VALUTAZIONE

La modalità di valutazione è a graduatoria con sportello per l’invio delle domande che rimarrà aperto dal 23 aprile 2024 al 12 giugno 2024.

Link al sito ufficiale: LINK  

Per assistenza tecnica nella predisposizione del progetto è possibile contattarci tramite il Form al seguente LINK o tramite i canali social.

Nessun commento

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *